Jasmina Radanovic
Stacks Image 2500
Nata a Belgrado il 9 luglio 1967

Corsi tenuti: canto moderno

Nata a Belgrado, si è diplomata nella stessa città alla scuola superiore di musica "Stancovic" in flauto traverso e canto; sempre a Belgrado si è laureata in canto presso la facoltà di Musica dell'università, sotto la direzione del soprano Olivera Gruic, proveniente dalla Scuola italiana di Bel Canto del celebre soprano Toti Dal Monte. Nel 2008 si è E' laureata in canto - 2° livello specialistico - presso il conservatorio Benedetto Marcello di Venezia (insegnante di canto Stella Silva).
Solista dell'Opera di Belgrado del Teatro Nazionale, frequente ospite del Teatro Nazionale Serbo di Novi Sad, si è esibita anche al Teatro Nazionale Macedone di Skoplje; in tali occasioni ha interpretato Micaela (Carmen),
Leonora (Il trovatore), Abigaille (Nabucco), Santuzza (Cavalleria Rusticana), Tosca (Tosca).
Vive attualmente in Italia, dove ha avuto modo di perfezionarsi con i seguenti maestri: i direttori Daniele Anselmi e Daniele Agiman; i pianisti Enrico Breda, Matteo Falloni e Gianfranco Corna; il tenore Antonio De Lucia, il soprano Antonella Manotti.
Inoltre nel 2004 ha frequentato il corso di alto perfezionamento tenuto da Katia Ricciarelli a Sabbioneta (Mn).
Stacks Image 2473
Ha tenuto numerosi concerti a Milano, Brescia, Mantova, Pavia, Bergamo, Parma, Venezia e/o nelle relative province. Nel 2000 si è aggiudicata il terzo premio nel concorso internazionale di canto lirico "Re-Se-Jong", organizzato a Milano dall'ambasciata della Repubblica di Corea, dall'ambasciata italiana e dall'Istituto italiano di cultura di Seul. Nel 2002 si è esibita in tre recite del Trovatore, nel ruolo di Leonora, con la direzione d'orchestra del maestro Claudio De Micheli (Teatro Cristallo, Milano - Teatro Manzoni, Monza - Teatro comunale di Lonigo, Vicenza).
Nel 2003 ha interpretato tra l'altro il ruolo di Santuzza nella Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni in forma di concerto; ha poi preso parte, a Chieti, al Nabucco di G. Verdi nel ruolo di Abigaille, con l'orchestra di Karkov (Ucraina). Il 2004 l'ha vista protagonista di: quattro recite della Tosca a Cusano Milanino (Mi) e al teatro Alfredo Chiesa di Milano; 3 recite del Trovatore a Milano nei teatri San Domingo e San Lorenzo ed ancora a Cusano Milanino; in provincia di Bergamo ha inoltre cantato il Gloria di Vivaldi con la Schola Cantorum S. Pietro Apostolo e l'orchestra Ensemble di Bergamo-Brescia.
Nel 2005 si è segnalata nel Macbeth di G. Verdi (nella parte di Lady Macbeth) tenutosi in forma di concerto a Gallarate con l'Orchestra filarmonica europea diretta da Marcello Pennuto.
Nel 2006 si è messa in luce nel ruolo di Donna Elvira del Don Giovanni di Mozart realizzato al teatro Arsenale di Venezia.
Nel 2007 è ancora Tosca in numerose recite al teatro Flaiano di Roma.
Nel 2008 ha interpretato come soprano solista il Requiem di Verdi al teatro V. Gassman di Gallarate con l'Orchestra Filarmonica Europea.
Jasmina Radanovic si è dedicata in questi ultimi anni anche alla musica da camera: a Venezia, sotto la direzione della prof.ssa Luisa Messinis, è iniziata la collaborazione con la la pianista Gerda Atkociunaite, con la formazione di un duo di musica vocale da camera che ha debuttato nel 2005 all'interno del Laboratorio di musica moderna e contemporanea da camera presso la sala concerti di palazzo Pisani, presentando i Brettl-Lieder di Arnold Schoenberg.
Successivamente il duo si è esibito con successo al teatro La Fenice nel corso della "Maratona Musicale", quindi ha partecipato al 5° Concorso internazionale di musica da camera "Marco Fiorindo" di Nichelino (Torino), aggiudicandosi la finale con un repertorio imperniato su Arnold Schoenberg e Alban Berg.
L'esperienza cameristica è proseguita nel 2006 con alcuni elementi del Constantin Quartet, con cui in particolare a Venezia il soprano ha eseguito le "sette liriche su poesie di Alexander Bloch" di Dmitri Shostakovich.