Riccardo Barba
Stacks Image 2500
classe 1991

Corsi tenuti: pianoforte
inizia lo studio dello strumento all’età di 12 anni con il M° Serafino Curotti.
Dopo gli studi classici di pianoforte e composizione si dedica all’approfondimento della musica improvvisata, del Jazz e delle tastiere, prediligendo le sonorità contemporanee.

Tra i suoi maestri ci sono Paolo Ugoletti, Umberto Benedetti Michelangeli, Tino Tracanna, Attilio Zanchi, Massimo Colombo, Greg Burk e Oscar Del Barba. Studia Direzione di Coro con Silvio Baracco.
Si laurea in Pianoforte Jazz presso il Conservatorio di Milano nel 2015 con una tesi su Chick Corea e il Fender Rhodes.
Si specializza sull’utilizzo di tastiere elettroniche e sintetizzatori durante gli anni di studio presso il Conservatorio.
Ha inoltre partecipato a svariate master class tra cui si ricordano quelle con Efrain Toro, Franco D’Andrea, Bob Moses, Danilo Perez, John Patitucci e Brian Blade.
Lavora come pianista, compositore e arrangiatore.

Svolge attività di arrangiatore per bande e cori della provincia bresciana.
Le sue composizioni spaziano dalla musica pop, jazz, classica e contemporanea; nel 2015 scrive la Suite “Mongol Uls” per vibrafono, pianoforte e contrabbasso, parte di un ciclo di brani scritti da compositori del Bresciano, Veneto e Trentino (Giancarlo Facchinetti, Tommaso Ziliani, Saverio Tasca, Rossano Pinelli e altri) ispirati al viaggio da Brescia a Shangai e agli scritti del vibrafonista Olmo Chittò.
Stacks Image 2473
Nel 2017 compone l’inno per Padania Classics (“Quando fischia la cazzuola” – Inno e Marcia per banda);
Padania Classics è un progetto di ricerca visiva che ha l’intento di identificare i ‘classici padani’ nel campo dell’estetica, dell’architettura e dei comportamenti.

Collabora con l’Associazione “Il Vagabondo” di Trento e con la piccola orchestra Lumiére.
È membro fondatore del progetto EKE (Electric Keys Experiment) insieme a Olmo Chittò, duo sperimentale di musica elettronica e jazz contemporaneo.
Il loro primo disco è in uscita l’11 maggio 2018.

Inizia l’attività didattica nel 2008. Nel 2015 partecipa al corso per l’insegnamento della musica agli studenti con specifici disturbi dell’apprendimento tenuto dalla professoressa Matilde Bufano.